domenica 12 ottobre 2014

PAINS AU CHOCOLAT



pain au chocolat 2

Adoro i dolci, li amo pazzamente. Anche dopo un pasto abbondante un dolcino trova sempre spazio...mi dà soddisfazione, buon umore alla stregua di un buon bicchiere di vino.

Purtroppo non ha le stesse calorie di un bel piatto d’insalata scondito e quindi cerco di limitarmi ma ci sono periodi in cui non mi ferma nessuno: questo è uno di quelli.

Dopo le sperimentazioni dei fantastici dolci di classe di Loretta Fanella, ho voluto prendermi una pausa francese...e voilà madame e monsieur le pain au chocolat.

Ricetta doc (almeno così me l’hanno venduta e se c’è qualche francese all’ascolto mi faccia sapere!!!! ) ma che ho modificato nella quantità del burro per evitare un picco di colesterolo pericoloso per la salute....ma a voi la scelta.


pain au chocolat

500 gr di farina setacciata (io Petra 1)                       
2 cucchiaini di sale
30 gr di zucchero (io ne ho messi 60 gr)
10 gr di lievito di birra fresco
150 di latte tiepido
150/180 gr  di acqua tiepida 

450 gr di burro (capite perché ho diminuito la dose? Per me 250 sono più che sufficienti)

Stemperare il lievito in latte e acqua. Aggiungere lo zucchero e metà farina. Infine il resto della farina mescolata con il sale. Incordare bene, formare una palla e far riposare in frigorifero per una notte intera coperta da pellicola (io l’ho lasciata per più tempo per mia necessità, circa 18 ore). Togliere l’impasto dal frigorifero un’ora prima di utilizzarlo.

Ora schiacciare il burro tra due fogli di carta forno in modo da ottenere un quadrato di circa  12 cm di lato.

Stendere la pasta sul piano di lavoro infarinato ottenendo un rombo che abbia uno spessore di circa 1 cm. Mettete il burro al centro e ripiegare i 4 angoli del rombo di pasta sul burro. 
Stendere delicatamente il “pacchetto” di pasta e burro in un rettangolo di 12 x 40 cm. Ora date la prima piega a 3 e mettete in frigorifero 30 minuti (o 10 minuti in abbattitore). 
Riprendete il vostro pacchetto e, mantenendo la parte chiusa sulla vostra sinistra (per comodità), stendete di nuovo e fate una nuova piega a 3.
Mettete in frigorifero altri 30 minuti (o 10 in abbattitore) e poi, sempre mantenendo la parte chiusa sulla sinistra, stendere e dare un’altra piega a 3. 
Riporre in frigorifero, sempre avvolto da pellicola, per circa un’ora (o mezz’ora in abbattitore, anche meno).  

Siamo pronti per formare il saccottino al cioccolato e vi servirà:

1 panetto di pasta preparato precedentemente
250 gr di cioccolato fondente in tavoletta 
1 tuorlo sbattuto con 2 cucchiai di latte
farina per spolvero

togliere la pasta dal frigorifero circa un’ora prima dell’utilizzo e tagliarla in 3 parti. 
Stendere ogni parte in una striscia alta circa 8 cm e posizionare un paio di bastoncini di cioccolato (ricavati tagliando la tavoletta in modo regolare) ad una distanza di circa 10 cm l’uno d’altro. Arrotolare la pasta attorno al bastoncino, arrotolare di nuovo, tagliare e sigillare bene. Otterrete una dozzina di saccottini ma ovviamente potete farli della dimensione che preferite, l’importante sarà infornare nello stesso momento saccottini della stessa dimensione in modo da avere una cottura regolare.

Mettere a lievitare su una leccarda coperta di carta forno con la parte sigillata verso il basso dopo averli pennellati di tuorlo sbattuto con i 2 cucchiai di latte. 

Dopo circa 2 ore sono pronti per essere infornati oppure, prima della lievitazione, potete abbatterli e conservarli in congelatore.

Cuocere in forno ventilato a 220°C, dopo averli di nuovo pennellati di tuorlo e latte, per circa 15 minuti e comunque finchè dorati.

Lasciarli raffreddare su una grata e conservarli in un barattolo sottovuoto.

17 commenti:

  1. mi sono arrivate le petra non ho scuse, devo farli :P scusa non mi è chiaro solo un passaggio " Arrotolare la pasta attorno al bastoncino, arrotolare di nuovo, tagliare e sigillare bene." grazie e complimenti come sempre, buona domenica ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede! Io ho steso una striscia per cui in un sol colpo ho fatto più di un saccottino ho messo il bastoncino di cioccolato all' inizio della striscia e ho arrotolato la pasta facendo praticamente 2 giri, uno attorno al cioccolato e poi un altro ancora prima di tagliare la striscia e sigillarla bene sotto. Spero di essermi spiegata...in effetti è più facile da farsi che a dirsi ;-) e ora.....buon lavoro!!!

      Elimina
    2. siiiiiiiiiii grazie 1000 ^__^

      Elimina
  2. Impeccabile esecuzione e splendida ricetta e un grazie alla valenza delle farine del Molino Petra che sanno ben supportare così altisonanti lavorazioni...
    BRAVA, MOOOOOOOOOOOOOLTO BRAVA ed a tal proposito non c'erano dubbi.
    Ehm.....quello stampino.....mi ricorda .....qualcosa.!!!
    Un abbraccio, Anna

    P.S.: trova il tempo e rendi felici tutti noi pubblicando più spesso i tuoi capolavori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna....eh eh eh...e ti anticipo che a breve arriverà una cosina che ho preparato pensando ad una cara persona....e ai suoi meravigliosi stampi.... una bacione con tanto affetto...

      Elimina
  3. mmm, che delizia, mi hai fatto tornare in mente le mie colazioni di un paio di mesi fa, nel sud della Francia, con questa fragranza e questa dolcezza (e la vista mare, sob) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella zona....io sono stata in Provenza tanti anni fa e ho dei ricordi meravigliosi....ma dovrò esplorare altre zone....w la France con i suoi fantastici vini, i dolci, il pane, i formaggi, il mare.....e tutto il resto... Buona domenica Nus

      Elimina
  4. abbiamo lo stesso nome,amiamo le stesse cose ma le tue foto sono divine
    anche io trovo sempre uno spazio pe il dolce di qualsiasi tipo
    felice domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola....ho dato una sbirciata al tuo blog e ho trovato un sacco di fantastiche ricette....sì sì....abbiamo davvero gli stessi gusti ;-) felice domenica anche a te ! un abbraccio

      Elimina
  5. sono più che d'accordo con te quando parli del posto che il dolce ha in ogni cena che si rispetti... quindi via con il cioccolato!
    anche se è più una scelta che farei per la colazione... ma si, anche a merenda starebbe divinamente bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Sì! Questi solo a colazione. ..e a merenda va ;-)

      Elimina
  6. Ciao Paola...è da un po' che ho appuntato in testa di provare dei pains au chocolat, ma ancora non mi sono messa alla ricerca di ricette...
    direi che il tuo post arriva a risolvermi il problema!
    che belli questi tuoi pains!!!!
    spero prima o poi di riuscire a riprodurli. Intanto ammiro i tuoi.
    domanda: ma per il ripieno, va bene cioccolata in tavoletta pura? il ripieno non si "brucia" e granisce come succede alla cioccolata oltre certe temperature?
    ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eleonora! Esistono anche bastoncini di cioccolato già pronti ma generalmente non sono di qualità. Io quindi ho utilizzato una tavoletta di fondente di mio gusto e l'ho tagliata a bastoncini...no...non si brucia perché sono ben avvolti nella pasta....non resta che provare no? ;-) bacione e buona serata!

      Elimina
  7. La mia colazione preferita quest'estate a Parigi!!! Ho smaltito i kg presi solo l'altro giorno infatti!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah....capisco molto bene Giuliana....ora servirà un po' di tempo a me per smaltire i miei! Ciao!

      Elimina
  8. Ciao Paola, sono felice di averti conosciuta ieri al corso sul Panettone presso Saporè. E' stato un vero piacere e con lo stesso piacere mi unisco adesso ai tuoi lettori.
    Non conoscevo il tuo blog e ti faccio i miei complimenti per tutto questo tuo lavoro.
    Ho anch'io il mio archivio, un archivio di pasticci direi, e si chiama anche lui Profumo... ma ha un sapore più intenso e forte di quello dei tuoi biscotti e non piace proprio a tutti: profumodibroccoli...
    Ciao e buona serata
    Tiziana

    RispondiElimina