lunedì 8 giugno 2009

CROSTATA DI CILIEGIE


Chiamarla semplicemente "Crostata di ciliegie" mi sembra riduttivo. Ammetto che la ciliegia è il mio frutto preferito ma vi assicuro che questa torta, che ho trovato su "La cucina Italiana" di giugno, è a dir poco fa-vo-lo-sa.

Ingredienti per una tortiera da 24 cm

Pasta Frolla
300 gr farina
150 gr burro
100 gr zucchero
2 tuorli
un limone
sale

Pasta maddalena
180 gr zucchero
150 gr farina
40 gr burro
3 tuorli e 1 uovo
una bustina di vanillina
sale

Per farcire e completare
400 gr ciliegie
3 savoiardi
limone
burro
zucchero semolato e a velo.

Procedimento

Pasta frolla
Intridere la farina con il burro a pezzetti, poi impastare le briciole ottenute con i tuorli, lo zucchero, un pizzico di sale, la scorza grattugiata e il succo dell'intero limone. Modellate a palla l'impasto, avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigo per 30 min.
Pasta maddalena
Montate a bagnomaria l'uovo e i tuorli con lo zucchero, la vanillina e un poco di sale; fuori dal fuoco incorporare la farina e il burro fuso.
Farcire e completare
Cuocete in padella 2 cucchiai di zucchero con una noce di burro, mescolando con mezzo limone infilzato su una forchetta (serve per aromatizzare). Quando il caramello sarà color nocciola, unite le ciliegie snocciolate e saltatele a fiamma vivace per 3 min finchè lo sciroppo non sarà addensato.
Fate raffreddare le ciliegie e mescolate con i savoiardi sbriciolati.
Stendete la pasta frolla a mm 4 di spessore e con essa foderare una tortiera di cm 24 di diametro e cm 5 di altezza ricoperta da carta forno (che aiuterà poi nello sformare la torta).
Distribuire sul fondo della tortiera le ciliegie, aggiungete la pasta maddalena, spolverizzatela di zucchero a velo e completate con striscioline di pasta frolla ricavate dai ritagli. Sagomate il bordo a piacere e rimboccatelo sul ripieno.
Cuocete la crostata in forno a 180° per 20 min poi a 170° per altri 20 min.
Infine sfornatela, sformatela dopo 10 min e lasciatela raffreddare su una gratella. Servitela guarnita a piacere con una ciliegia sciroppata o fresca.

19 commenti:

  1. ecco, infatti. Chiamarla semplicemente crostata di ciliegie mi sembra assai riduttivo... Perché questa è una Signora Crostata di Ciliegie. Quella pasta dev'essere di una bontà estrema!

    p.s. e poi .. io adoro le ciliegie :)

    RispondiElimina
  2. Fresca! La guarnisco con una ciliegia fresca... che splendore :)

    RispondiElimina
  3. bellissima questa ricetta ! complimenti !

    RispondiElimina
  4. Ma.. scusa l'ignoranza, la pasta maddalena è quella cosa super fondente che ad ogni morso ti riempie la bocca di soffice pasta-crema???
    Anche questa credo sarà provata presto!

    RispondiElimina
  5. Sei davvero brava, complimenti!!
    Esprimi una cucina di amore e di sapori sraordinaria nell'apparente semplicità. Sei padrona di gesti e tecniche consolidate dentro di te.

    RispondiElimina
  6. Elisa/Vicky: esatto, la pasta maddalena è proprio quella pasta/crema che ti riempie la bocca ad ogni morso; proprio per questo, secondo me, è una crostata ottima mangiata in giornata perchè già il giorno seguente, pur buona, perde moltissimo (tende ad asciugarsi eccessivamente). un bacione. Paola

    RispondiElimina
  7. Lunarossa: grazie grazie grazie, tutti questi complimenti per me? sei troppo carina. un abbraccio. Paola

    RispondiElimina
  8. Ieri l'ho fatta, devo ancora assaggiarla (portata in uficio per merenda) ma da vedere non sono neanche parenti!!!
    In particolare avevo poca pasta, e non ne è rimasta per la parte sopra.. Mah, così a vista non è riuscita un granchè, poi ti saprò dire com'è andata la prova assaggio...

    RispondiElimina
  9. Ciao Elisa...sei sicura di aver seguito i dettagli delle misure (altezza pasta 4 mm e teglia da 24)?
    Sappimi dire comunque com'è andata la prova assaggio e vediamo di risolvere i problemi. Ok? baci. Paola

    RispondiElimina
  10. Si, la pasta era a tratti forse anche più bassa, e la teglia da 24. Prova assaggio superata ma senza lode, la pasta sembrava quasi cruda, e nell'insieme un pò troppo dolce.. Mah, a me le cose non vengono mai al primo colpo se mi sembrano facili! Vabbè, qui la stanno mangiando, buon segno no??

    RispondiElimina
  11. Elisa, buon segno sicuramente.
    Io funziono invece in senso inverso: a volte mi riescono bene la prima volta e non più la seconda.
    Ora però leggendo il tuo commento mi viene un dubbio: dici che non ti è rimasta pasta da mettere sopra ma sopra, di pasta frolla ci sono solo 2 strisce; quindi riassumendo:c'è la pasta frolla di 4 mm sul fondo della tortiera, poi le ciliegie e infine devi distribuire la pasta maddalena in modo uniforme cercando di coprire tutta la superficie. A questo punto spolverizzi di zucchero a velo e metti le 2 strisce di pasta frolla. E' così che hai fatto?
    Per la cottura io ho utilizzato tempi e gradi indicati ma visto che molto dipende dal forno prova a proseguire la cottura di 10 min coprendo eventualmente con foglio di alluminio se tende a scurire. Ciao :-)))

    RispondiElimina
  12. Per le 2 strisce non ne avevo più, il resto è andato proprio così. Anzichè proseguire la cottura oltre l'ho lasciasta dentro una mezz'ora a forno spento.. magari non dovevo!
    Di solito ho ottimi risultati al primo colpo sulle cose difficili perchè mi impegno di brutto, se mi sembrano facili le prendo sottogamba e il danno è fatto..
    Vabbè, stasera sono a cena con dei parenti la porto là, in pasto ai leoni!!
    Grazie comunque!

    RispondiElimina
  13. Confermo che la torta è proprio favolosa.
    Rispetto alla ricetta la cottura è stata decisamente più lunga, ma forse è il mio forno che ogni tanto perde i colpi.
    L'ho fatta per l'ufficio ed è stato un SUCCESSONE!
    Però ho usato al posto delle ciliegie i lamponi e mi riprometto di rifarla anche con altri tipi di frutta , mi ispirano molto le arance ...

    RispondiElimina
  14. la provo oggi e poi ti dico :-))) splendida ricetta!

    RispondiElimina
  15. fatta.... che dire... mi ha fatto diventare una pasticcera... non ho mai fatto una preparazione del genere quindi immaginami in cucina che a bagnomaria monto, e il caramello... torta meravigliosa.. ma davvero non una crostata... splendida, morbida, profumata.... grazie! la posterò nei prossimi giorni!

    RispondiElimina
  16. Sono proprio contenta!!! Anche a me piace tantissimo. Bacioni

    RispondiElimina
  17. ti ho dedicato il post di stasera con questa crostata! ciao Ely

    RispondiElimina
  18. Grazie Ely, andrò presto a vedere! un bacione

    RispondiElimina